Skip to content

Il bioritmo in autunno

I bioritmi hanno la loro origine nelle variazioni ambientali che attivano l’orogio biologico di ogni individuo. La parola bioritmo deriva dal greco βίος – bios, vita e ῥυθμός – rhutmos, ritmo. I ritmi vitali cambiano in modo ciclico le necessità dell’organismo. Anche la pelle richiede un programma bioritmico modulato sulle diverse necessità.

La vita di una persona è influenzata da cicli biologici ritmici che influenzano le abilità personali in vari aspetti, come quello mentale, fisico ed emotivo. Questi cicli iniziano alla nascita ed oscillano in modo costante nel corso della vita.

Ma cos’è il bioritmo?

Il concetto di ciclicità periodica del destino umano ha origini antiche. I ritmi di 23 e 28 giorni usati in bioritmica sono stati individuati nel tardo XVIII secolo da Wilhem Fliess. Egli era un medico berlinese e paziente di Sigmund Freud. Fliess credeva nella regolarità di 23 e 28 giorni osservata in molti fenomeni, comprese la nascita e la morte.

Alla fine XIX  secolo anche lo psicologo tedesco Herman Swoboda individuò due tipi di cicli che influenzano la nostra vita: uno fisico di ventitre giorni e uno temporale di ventotto giorni. In seguito, Alfred Teltscher, ingegnere di Innsbruck, individuò un terzo ciclo, quello intellettivo, di trentatre giorni.
La pratica di consultare i bioritmi diventò popolare negli anni settanta grazie ad una serie di libri dello scrittore americano Bernard Gittelson.

Queste scoperte definirono una sorta di orologio interno in base al quale funziona l’organismo umano.

In base alla teoria dei bioritmi, anche durante il giorno il nostro corpo brucia energie per poi recuperarle. E’ possibile assecondare questi ritmi a favore della nostra bellezza considerando il bioritmo della pelle soprattutto quando si tratta di sottoporla a programmi di bellezza mirati.

Secondo gli studi sui cicli, l’ormone GH, che contribuisce all’elasticità e alla luminosità della pelle, ha un picco di produzione nelle prime ore del sonno. La pelle, che durante la notte è più ricettiva, dovrebbe essere nutrita con prodotti contenenti principi attivi per il viso, il collo e il decolletè, perché verranno assorbiti meglio.

Considerando i bioritmi della pelle, la mattina è idonea invece per una detersione più approfondita. Durante il giorno è importante invece concentrarsi sulla protezione del derma. È possibile sfruttare perciò queste conoscenze a vantaggio della nostra bellezza.

 

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.