Skip to content

La bellezza nelle mani

Parlano, comunicano, discutono.
Ecco le ragioni e i trattamenti per non dimenticare mai la bellezza delle nostre mani.

L’ultimo incubo e nemico giurato delle dive di Hollywood sono le loro mani che, più di qualsiasi altra parte del corpo, rivelano senza pietà l’età non dichiarata e smascherano le piccole bugie dei VIP sempre a caccia dell´eterna giovinezza. E la stampa estera si è lanciata alla caccia delle mani “traditrici” delle celebrità, ovviamente prima fra tutte Madonna, che se le sarebbe fatte ritoccare diverse volte e le nasconde in un paio di guantini in linea con l’outfit. Cameron Diaz, ossessionata dai germi e malattie, se le lava fino a cento volte al giorno. Disturbi ossessivi compulsiva a parte, le mani appartengono al nostro corredo genetico. E non solo perché sono la cartina tornasole della nostra età e delle nostre abitudini e stile di vita, ma perché fanno parte di quella comunicazione non verbale che racconta l’inconscio, il vissuto effettivo e il carattere. Tanto che, osservando la loro gestualità, si comprende meglio lo stato del nostro interlocutore.
Aveva ragione Aristotele che diceva che le mani fossero “una diramazione del cervello”. Migliorano le funzioni cerebrali e le attività manuali favoriscono la distinzione e la lucidità mentale.

Quante buone ragioni ci sono allora per riservare alle mani attenzioni speciali? Tantissime.

Intanto una nail-spa ogni 15 giorni e un massaggio per nutrire, rigenerare e prevenire le macchie cutanee. Poi uno scrub, meglio se abbiano ad una cura notturna ad hoc. Ci guadagneranno l’aspetto e la densità della pelle e le unghie, più forti e lucide.

 

Comments are closed.