Skip to content

La bellezza in gravidanza: cosa puoi fare e cosa no

La gravidanza, pur essendo un momento magico nella vita di ogni donna, porta con sé timori e turbamenti, oltre a una notevole stanchezza fisica. Rilassare quindi mente e corpo in un centro benessere ed estetico può essere una grande tentazione.  Nessun limite ai trattamenti estetici per viso, corpo e capelli anche in gravidanza.

Depilazione in gravidanza

La gravidanza rallenta la crescita del pelo, ma non in modo tale da rinunciare temporaneamente alla depilazione. Allora come depilarsi? Le creme depilatorie andrebbero evitate, perché possono provocare delle reazioni allergiche. In gravidanza l’organismo si può comportare in modo diverso rispetto ai trattamenti che fino al giorno prima non provocavano alcunché. La ceretta tiepida, che ormai ha sostituito la calda, non è assolutamente vietata. Basta farla in modo delicato. Nella depilazione definitiva, invece, non è ancora stato riscontrato l’uso di elementi chimici dannosi per il feto. Nonostante ciò gli esperti consigliano di non rischiare e di rimandare il trattamento al post-parto.

Tintura per capelli

È uno dei tipici trattamenti considerati da sempre vietati in gravidanza perché si riteneva che potesse nuocere al feto visto che alcune sostanze considerate tossiche, prima tra tutte l’ammoniaca, penetrano nel cuoio capelluto della donna ed entrano in circolo nell’organismo. Per precauzione basta evitare di tingere i capelli nei primi tre mesi di gravidanza, durante i quali si possono comunque applicare le tinte naturali. I riflessanti vegetali oggi sono sempre più evoluti e capaci di imitare il livello di copertura delle tinture. L’importante è non respirare i fumi dell’ammoniaca e non entrare a diretto contatto con sostanze chimiche. Passati i primi tre mesi, poi, bastano solo alcune piccole precauzioni. Per esempio, chiedere al parrucchiere di applicare il colore in una area ben ventilata. Evitate prodotti con ammoniaca. Inoltre, è una buona regola anche non fare spalmare la tinta sulla testa, ma cercare di metterla sulla lunghezza dei capelli.

Trattamenti viso

In genere la pelle in gravidanza è molto luminosa, ma alcune donne fanno eccezione e possono comparire fastidiosi brufoli che possono essere eliminati con appositi trattamenti viso. Che fare quindi? Evitare farmaci e rivolgersi ad un’estetista che proponga prodotti a base naturale. Per esempio potrete migliorare l’aspetto del vostro viso con un latte di igiene naturale, una pulizia viso con una maschera di trattamento emolliente e fiale urto di normalizzazione.

Trattamenti corpo

Per combattere la cellulite e cercare di limitare l’accumulo di grassi, si possono fare i massaggi in gravidanza o è meglio evitarli? Fare massaggi in gravidanza può essere utile non soltanto a prevenire cellulite e smagliature, ma a favorire il ritorno linfatico prevenendo il gonfiore, soprattutto agli arti inferiori. È fondamentale, però, mettersi nelle mani di un’esperta estetista, senza uso di apparecchiature e di creme / olii a base di alghe e caffeina. Ok a massaggi con prodotti naturali per riattivare la circolazione. Potreste contrastare il gonfiore alle gambe e prevenire l’insorgenza di patologie venose, sempre da farsi fare in posizione sdraiata sul fianco e mai sulla pancia.

Manicure

Anche per la manicure non ci sono rischi particolari dopo i primi tre mesi. La futura mamma dovrà controllare che gli strumenti siano stati appena sterilizzati e chiedere all’estetista di non tagliare le pellicine, per prevenire infezioni di batteri e germi.  Lo smalto può essere applicato, ma meglio non aspirarlo. E per chi volesse fare la copertura in gel non esistono significative controindicazioni rispetto alle tecniche con acrilico. Ma per precauzione sarebbe meglio indossare una mascherina sul viso e fare la manicure in una zona ben ventilata per non inalare sostanze potenzialmente tossiche come i cianoacrilati, presenti appunto nei normali smalti o gel.

Comments are closed.